Selene

Teresa Tufo

15,00

Nella cornice di una Londra dalla bellezza regale e gotica, grande e caotica, Selene, lascia il suo paese per andare a vivere nella capitale aperta al mondo, multietnica e multiculturale. Il suo nome significa «Luna» ma non indica semplicemente un corpo celeste. Rappresenta la sfera del femminile nella sua espressione più completa, raffigura la capacità di creare uno scambio emotivo attraverso sentimenti e stati d’animo tanto da dar vita ad un legame intimo e profondo. Distante dall’Italia, riparte da se stessa e ricomincia una nuova vita al fianco di Daniele.

(3 recensioni dei clienti)

2 disponibili

Nella cornice di una Londra dalla bellezza regale e gotica, grande e caotica, Selene, lascia il suo paese per andare a vivere nella capitale aperta al mondo, multietnica e multiculturale. Il suo nome significa «Luna» ma non indica semplicemente un corpo celeste. Rappresenta la sfera del femminile nella sua espressione più completa, raffigura la capacità di creare uno scambio emotivo attraverso sentimenti e stati d’animo tanto da dar vita ad un legame intimo e profondo. Distante dall’Italia, riparte da se stessa e ricomincia una nuova vita al fianco di Daniele.

Affidabile, premuroso, attento, la sua àncora, il porto sicuro, la scelta migliore che abbia fatto. Fino al momento in cui riappare l’immagine dell’uomo da cui deve stare lontana. Lorenzo. Le loro vite si incontrano e scontrano fino al distacco doloroso che la costringe a raccogliere i pezzi del suo cuore e a ricostruire una vita senza di lui. Eppure un legame invisibile li tiene uniti, nonostante il tempo e la distanza, le strade diverse, la vita intrapresa da ognuno. Uno di quegli amori che restano dentro per sempre ma che non si riescono a vivere mai completamente.

Nella meccanica quantistica, due sistemi che interagiscono tra loro e poi vengono separati, diventano un unico sistema. Dirac ha elaborato una formula in cui si fondono l’oggettività di una equazione della fisica e la poetica di una relazione d’amore: come particelle quantiche, esistono persone che, anche se si separano, continuano a portare dentro una parte dell’altra, restando indissolubilmente unite e intrecciate per tutta la vita.

Copertina

Morbida

Pagine

148

Dimensione

15×21 cm.

Rilegatura

Brossura filo refe

Anno

2018

  1. Antonella Domenica Amato

    Teresa Tufo sceglie Londra come luogo delle rimembranze di un amore perduto.

    La Tufo è legata alla metropoli europea da motivi professionali, è infatti docente di lingua inglese in una scuola della provincia di Napoli dove vive.

    L’autrice ci fa rivivere nel libro “Selene” una Londra da favola poiché trattasi di una città fatata.

    Attraverso Selene percepiamo il frastuono dei mercatini londinesi, la bellezza delle sue boutiques e la serietà degli artisti di strada nella loro professionalità. Covent Garden rappresenta il desiderio più forte e difficile da realizzare poiché impenetrabile.

    Selene, la protagonista del libro, prende casa con Daniele nel quartiere di Covent Garden, ma Covent Garden resta qualcosa da osservare e che mai si vive veramente. La sua bellezza estrema non può essere oltrepassata da Selene poiché per la protagonista la vita è altrove.

    La vita è stata a Roma con Lorenzo e a Roma farà ritorno. Daniele invece appartiene realmente a Londra, egli non lascerà mai la capitale inglese e Londra saprà restituirgli felicità.

    Riuscirà il mondo a capire l’amore di Selene e Lorenzo? No. Questo amore resterà qualcosa di nefasto agli occhi altrui, qualcosa che solo l’arte può decifrare poiché è un amore che si possiede nel momento della perdita e che vive delle rimembranze per dissolversi dopo una sola notte di passione.

    Trattasi dell’equazione di Dirac nella teoria dei quanti in fisica quantistica o Equazione dell’Amore riguardante spiriti affini.

    Grazie Teresa Tufo per averci fatto sognare un sentimento che va oltre l’amore, che patisce l’amore poiché “Selene” è la purezza della passione.

  2. francesca

    quando ho cominciato a leggere il secondo romanzo della mia amica e collega Teresa Tufo, da subito ho cominciato a intravedere i tratti di Selene. Avendo apprezzato già Micol, mi aspettavo un’ altra grande storia d’ amore…
    Ovviamente lo è, ma mai e poi mai avrei potuto intuire il finale…forse avevo sottovalutato l’estrema sensibilità dell’ autrice, che non ha esitato a stupirci.

    No, non racconto l’ esito, dovete leggere il romanzo, appassionarvi, meravigliarvi, piangere e comprenderne il messaggio metafisico che vuol lasciare a ciascun lettore: ” noi tutti non sappiamo dove la vita ci conduce… la vita devi anche saperla ascoltare… qualche volta si prende gioco di noi… non è il finale ad essere importante, ma tutto ciò che senti, percepisci, provi, ascolti, doni , vivi e lasci nel corso del viaggio che fai. ..”

    Cosa dire? Sublime lettura, fantasmagoria di emozioni delicate d’ altri tempi…

  3. Annarita Schiavone

    Sto ultimando la lettura di Selene della mia amica scrittrice Teresa Tufo
    Teresa con arte e dovizia di particolari dipinge, a tratti lievi la bellezza interiore di un mondo tutto al femminile, opponendo e accompagnando ad esso due figure maschili titaniche ed imponenti.
    La sua abilità descrittiva parte da un realismo talvolta sconcertante.
    La realtà è lì, innegabile, quasi a parlare da sola e a raccontarci il cuore della protagonista a partire dalle azioni.
    Perchè Selene è un romanzo di azione in cui il pensiero si muove ed evolve sulla scena, in fieri!
    Brava Teresa Tufo…aspettiamo tutti un’ altra delle tue storie…a presto!????

    P.S.appena terminerò Selene procederò con la lettura di Micol, il suo romanzo di esordio.
    In letteratura non si può parlare di gusti come se si mangiasse un piatto di sani spaghetti.
    In letteratura si può solo parlare di sensibilità o di tecniche e stile.
    Una storia può essere anche banale fino all’inverosimile ma bisogna osservare e capirne attentamente il modus scrivendi della stessa.

    Anche Flaubert, ad esempio, scriveva ispirandosi alle banali cronache dei quotidiani…I faits divers… ma quello che è riuscito a creare con la sua tecnica di scrittura ha innovato completamente il romanzo.
    A mio pare quando si legge un romanzo non bisogna mai solo fermarsi alla storia e al finale più o meno scontato che sia, ma essere in grado di coglierne la vera essenza che non resta solo nei personaggi ma nella tecnica del racconto.

    La lettura degli scrittori contemporanei e il bagaglio di cultura personale dovrebbe aiutarci a fare questo salto di qualità nella interpretazione personale di un qualsivoglia testo che passi tra le nostre mani.
    Grazie mia cara Teresa Tufo per la tua arte, con la tua penna e tra le tue mani la realtà, anche la più difficile e drammatica, diviene sublime canto del cuore.

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

COD: 9788894934045 Categoria: Romanzi Tag: , , , ,

Iscriviti alla newsletter

Updating…
  • Nessun prodotto nel carrello.

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Leggi di più

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Close