Il Tappeto

5.00 out of 5 based on 1 customer rating
1 customer review

15,00

2017, pp. 128,
ISBN 9788898721887

Il Tappeto è il secondo romanzo di Giuseppe Baldi, l’autore di Gagliano Casteferrato, che dopo “Bagliori” conferma l’attaccamento alle proprie radici, alle corde di una sicilianità che non smette di stupire ed affascinare. Un ponte “letterario” tra Enna e Palermo, Catania e Siracusa, tra storie che attingono al mito e alle vicende nate dalle molteplici dominazioni succedutesi nella regione.

1 recensione per Il Tappeto

  1. 5 di 5

    Il romanzo è ben strutturato ,oltre ad essere di scorrevole lettura, presenta una trama coinvolgente e variegata, per nulla prevedibile.
    La descrizione accurata e minuziosa dei personaggi li rende unici e realistici,così come la molteplicità dei luoghi narrati apre scenari pittoreschi e suggestivi, che raccontano a loro volta storie ed esperienze di ciascuno di essi.
    Flora, personaggio chiave della vicenda sebbene sia descritta agli inizi nella sua autorevolezza e magnificenza, mostra al tempo stesso le fragilità e debolezze celate nell’animo umano. Da qui la similitudine con il mare descritto come ciò che non si placa mai <>. A seguire la metafora del tappeto, filo conduttore del romanzo;<>.
    Da un punto di vista stilistico è possibile riscontrare periodi lunghi, non per questo complessi; il lessico si presenta per certi versi semplice per altri ricercato; va notata anche la prevalenza delle descrizioni e l’impiego di pratiche di code switching nella parte finale del racconto.
    Questo romanzo conserva in sé qualcosa di unico e irripetibile. È in grado di suscitare profonde emozioni nel lettore e di indurlo ad un atto di riflessione ed introspezione senza precedenti.
    Siamo esseri umani, e spesso, un po’ condizionati dal ritmo incessante della vita, tentiamo di nascondere ed occultare sotto un “tappeto”, i nostri più profondi segreti, le nostre paure più nascoste, grovigli di sentimenti ed emozioni che per quanto ben seppelliti nel più profondo degli abissi, tornano ad affiorare come un forziere nelle acque della nostra vita.
    L’invito rivolto al lettore è quello di vivere appunto” senza tappeto”, liberi dai fantasmi del passato e proiettati verso nuovi futuri e orizzonti.
    Si tratta di un capolavoro, uno dei migliori romanzi che abbia mai letto, ineccepibile davvero.

Aggiungi una recensione

Your email address will not be published. Required fields are marked *